Archives For Curated Crowdsourcing

Sul Web si legge sempre più spesso di case histories in cui Crowdsourcing o Open Source hanno contribuito al successo di un’azienda, di un brand o di un prodotto. Ancora poco pubblicizzati, però, sono i rischi connessi all’utilizzo di questi approcci all’innovazione: in particolare, per scrivere questo post ho tratto ispirazione dall’articolo “Tom Tom: Rischioso fidarsi delle mappe Open Source”. Nel pezzo – che come potrete immaginare ha subito sollevato ampie polemiche – si riporta una comunicazione in cui Tom Tom avvisa la clientela di non porre troppo affidamento alle mappe Open Source, perché potrebbero essere errate o non adeguatamente aggiornate.

Nonostante molti sostenitori della “Open Source Way” siano subito insorti, Tom Tom ha sollevato uno dei problemi che – a ragion veduta – rendono ancora insidioso l’utilizzo, da parte delle aziende, di meccanismi che richiedano un’ampia partecipazione da parte delle cosiddette “intelligenze collettive”.

Ecco quindi una breve lista dei punti chiave da tenere sempre presenti per qualsiasi organizzazione che voglia sfruttare in maniera proficua i meccanismi di innovazione e creazione collaborativa:

  1. Controllo: Open Source e Crowdsourcing non significano anarchia. Nonostante spesso si richieda alla massa una democratica partecipazione ad alcune decisioni, l’azienda dovrebbe mantenere un certo controllo, per evitare un indesiderato “effetto boomerang”. Le collettività chiamate a partecipare potrebbero prendere decisioni poco lungimiranti o addirittura dannose per l’azienda, contrarie ad alcune scelte strategiche o alla visione del management. Oppure, una decisione o una richiesta da parte della comunità potrebbe essere non cattiva di per sè, ma comunque cogliere impreparata l’impresa. Un’apertura all’esterno potrebbe anche rivelarsi un’ottima occasione per i competitor per cogliere dei punti deboli, o addirittura danneggiare direttamente l’azienda.
  2. Expertise:qualora si decidesse di intraprendere un progetto che preveda il contributo di risorse esterne all’impresa, si deve sempre tenere presente il grado di expertise richiesto alle risorse stesse. Essere “Open” non significa accettare passivamente il contributo di tutti, ma anche e soprattutto saper selezionare o premiare “i talenti” e i contributi di qualità. Un buon bilancio tra “diversità ed expertise” è necessario per non rischiare che la situazione possa sfuggire di mano, o che l’azienda sprechi tempo e risorse a ricevere e considerare contributi inutili o di scarsa qualità. La necessità di selezionare soggetti con un’alta expertise è stata la scintilla che ha creato i cosiddetti Crowdsourcing di nicchia, ovvero il Curated Crowdsourcing e l’Expert Crowdsourcing.
  3. Incentivi:questo rappresenta, a mio avviso, un punto focale. I partecipanti ad un progetto di creazione o innovazione aperta devono essere adeguatamente incentivati. Nulla è più frustrante, per una persona che partecipa attivamente ad un progetto, del sentirsi sfruttata o non valorizzata. Molto spesso, i benefici psicologici derivanti dall’appartenenza ad una comunità di creazione, dove i partecipanti possono condividere le proprie passioni ed i propri interessi non sono sufficienti, o per lo meno perdono di efficacia con l’andare del tempo. Ancora poche sono le realtà che riconoscono dei veri benefici economici a coloro che danno il proprio contributo. Gli incentivi devono generare quindi un giusto mix di benefici psicologici e sociali, sostenuti (ove la situazione lo renda opportuno) da benefici di carattere economico. Condizione fondamentale è però che essi siano costanti nel tempo. Un sistema incentivante ben strutturato deve trattenere i “migliori talenti”, farli crescere e, qualora necessario, attrarre nuove partecipazioni.
  4. Regole: un equo set di regole, soprattutto se condiviso dalla comunità di co-creatori o partecipanti è necessario a mantenere l’ordine. Le regole non devono però essere nè troppo stringenti nè troppo permissive. Nel primo caso si rischia di soffocare la creatività dei partecipanti, mentre nel secondo di trasformare i progetti in anarchia.

Lo sfruttamento e la corretta gestione delle “intelligenze collettive” è un argomento molto più delicato di quanto non appaia. Il difficile compito è sempre più delegato ai cosiddetti “Community Managers”, figure professionali che stanno ricoprendo un ruolo sempre più importante nelle moderne strategie di marketing. Qualora si voglia approfondire l’argomento, raccomando l’articolo “Community Manager: ruoli e responsabilità” comparso recentemente su ninjamarketing.

Quanto sia difficile gestire delle comunità è dimostrato dalla “guerra” tra due sistemi operativi Linux-based, ovvero Ubuntu e Linux Mint (una distribuzione derivata proprio dalla stessa Ubuntu). I creatori di Linux Mint hanno avuto strada facile nell’accrescere la propria popolarità grazie ad un attenzione ed un ascolto più attento delle volontà e dei desideri degli utenti. Mentre Ubuntu deve sottostare a troppe regole, derivanti dal fatto che è “sponsorizzata” da Canonical, Mint ha intercettato quella grande fetta di Ubuntu-users che chiedeva a gran voce una distribuzione facile e stabile come Ubuntu, ma che potesse evolvere secondo le loro necessità e non secondo le imposizioni di un’impresa.

Pur essendo Ubuntu una distribuzione che “vive” dei contributi della comunità, Canonical, l’azienda che sostiene Ubuntu, ha dovuto compiere alcune scelte di carattere strategico, per permettere un futuro supporto anche su tablet, televisioni e dispositivi mobili. Una di queste scelte è stata l’adozione dell’interfaccia Unity, criticatissima da molti utenti. Nonostante queste decisioni siano chiaramente lungimiranti, Ubuntu si è trovata proprio nella situazione in cui la linea strategica del management non era condivisa da una larga fetta degli utenti. L’incapacità di parte della comunità di comprendere l’importanza della scelta di Canonical ha causato la veloce ascesa del primo concorrente di Ubuntu, ovvero Linux Mint. Se desiderate comprendere meglio come questa “guerra” sia iniziata, vi consiglio di leggere l’articolo “Linux Mint, the new Ubuntu“.

Con questo articolo spero di aver sintetizzato ed esemplificato brevemente le maggiori criticità che l’adozione di approcci di creazione ed innovazione collaborativa possono presentare.

Ritenete che vi siano altri importanti punti da tenere presente prima di intraprendere un progetto che coinvolge risorse esterne all’impresa?

Aspetto i vostri commenti!

A presto,

Massimiliano

Quando parliamo di Crowdsourcing solitamente pensiamo subito al “Crowd”, ovvero alla massa, alla folla. Secondo alcuni studiosi però, si stanno affermando delle tipologie di Crowdsourcing che mi piace definire “di nicchia”: si tratta dei cosiddetti “Curated Crowdsourcing” ed “Expert Crowdsourcing“. Il sorgere di queste due nuove tipologie deriva dal fatto che, negli ultimi anni, il Crowdsourcing ha goduto popolarità ed investimenti crescenti da parte delle imprese (+45% per il 2012). Solo per il 2012 inoltre, si stima che le aziende che utilizzeranno il Crowdsourcing saranno il 37% in più rispetto all’anno precedente. Così, il Crowdsourcing non sta crescendo solo quantitativamente, ma anche e soprattutto qualitativamente.

Il Curated Crowdsourcing

Il Curated Crowdsourcing nasce dall’esigenza di porre un controllo al Crowd, ovvero a “quella massa di individui con abilità e background molto diversi tra loro” per garantire la qualità dei progetti legati al contributo di questa tipologia di masse. Secondo alcuni studiosi e professionisti infatti, la serietà e la qualità di un progetto che si serve del Crowdsourcing è direttamente proporzionale alla qualità dei contributi delle persone che partecipano. Questa qualità deriva a sua volta da esperienza, abilità ed affidabilità dei partecipanti.

Sul sito www.spoolsource.com si possono leggere  le pubblicazioni dei primi studi riguardanti l’argomento, pubblicati nel 2010. Gli scrittori affermano:

Over the past year, a fair amount has been written and tweeted about the need for “curated” crowdsourcing, a fancy way of saying that there needs to be management, methods and standards to guarantee the quality of crowd-powered outsourcing. An ambiguous crowd of various skill-levels can produce ambiguous results in much the same way that allowing everyone into a public pool virtually guarantees more splashing than swimming.

Employing an unfiltered crowd can be a bit of a crapshoot, yielding as much garbage as gold. We have found while managing projects on JobSpooler that curating a crowd involves both art and science. For example, good curation should include the ability to filter for credibility and competency. The most essential metric is reliability a rating depicting the history of a worker to complete their task successfully. That said, a simple calculation of tasks attempted versus tasks completed doesn’t tell the whole story. If the rating system isn’t nuanced, it favors automatons that stick to doing simple tasks. A better algorithm balances the success rate with duration and difficulty.

Trovate l’articolo completo all’indirizzo: http://www.spoolsource.com/content/curated-crowdsourcing-business-wrangling-unruly-mob

In poche parole, i sostenitori del Curated Crowdsourcing affermano che sia necessario:

  • Filtrare la partecipazione dei membri alla community
  • Un complesso sistema di rating, per selezionare e premiare i più creativi e produttivi
  • Trovare la “Crema del Crowd”, ovvero essere in grado di individuare i partecipanti più talentuosi
  • Valorizzare l’importanza del facilitatore o del “community manager”.

L’Expert Crowdsourcing

In questo ambiente, è stata individuata un’ulteriore nicchia del Crowdsourcing, detta “Expert Crowdsourcing”, o “Expert Sourcing”. Parliamo di Expert Crowdsourcing quando la comunità di creazione (o community of practice, in lingua inglese) è costituita esclusivamente da esperti di diverse aree.

Un esempio di Expert Crowdsourcing sono le comunità di EnglishMajor.com, una community che si basa essenzialmente sul contributo di migliaia di scrittori freelancer, e GeniusRocket, un’agenzia creativa la cui comunità è composta da centinaia di professionisti diversi,  molti dei quali posseggono a loro volta una agenzia propria.

L’epoca del Crowdsourcing è appena iniziata, ma quello che pochi anni fa era semplicemente un approccio sperimentale sta già evolvendo molto velocemente. Imprenditori, manager, startupper e visionari sono avvisati!

L’articolo è stato tratto dal blog “Witology”. Potete trovare l’originale a questo indirizzo: http://blog.witology.com/en/?p=1462

A presto,

Massimiliano