L’intervista esclusiva a Riccardo Zilli e Marco Annoni di come4.org per The Big Cloud Project

ottobre 2, 2012 — Lascia un commento

Pochi giorni fa vi ho parlato con piacere dell’avventura da startupper di Riccardo e Marco, creatori di come4.org, il primo sito per adulti no profit e a scopo benefico. L’iniziativa continua ad essere sostenuta da numerosi backers (121 fino ad ora) e la campagna di raccolta di finanziamenti su Ulule.com sembra procedere, lentamente ma inesorabilmente, verso l’obiettivo dei 10.000 euro. Avendo trovato il progetto interessante ed insolito ho chiesto al team di come4.org di concedermi un’intervista che racconti la loro esperienza e la loro visione riguardo il crowdfunding. Ecco a voi l’intervista, concessa in esclusiva a The Big Cloud Project.

Perchè avete deciso di diventare startupper?

Parafrasando Terzani, potremmo riassumere cosi il motivo: “Io trovo che la cosa più bella che un giovane possa fare è di inventarsi un lavoro che corrisponde ai suoi talenti, alle sue aspirazioni, alla sua gioia, e senza quella arrendevolezza che sembra cosi necessaria per sopravvivere”

Crowdfunding in Italia, in Europa e nel mondo. Che idea vi siete fatti di questa modalità di finanziamento?

Negli U.S.A., Kickstarter ci insegna che il crowdfunding è una modalità di finanziamento ormai consolidata, una valida alternativa ai venture capitalist, anche se ci si trova di fronte ad un sistema quasi totalmente monopolistico. In Europa e in Italia siamo molti indietro. Soprattuto in Italia dove siamo esterofili per vocazione ma diffidenti per nascita.

Perchè la scelta del crowdfunding piuttosto che altre modalità di finanziamento?

Siamo andati a presentare il primo pitch di come4.org a H-Farm, perché credevamo che potesse essere di interesse per dei finanziatori esterni. Non avevamo ancora bene in mente come potesse evolvere la piattaforma, ma dopo lunghe sedute di brainstorming abbiamo deciso che per essere credibili dovevamo essere completamente no profit. E se non c’è profitto non c’è finanziamento. Da qui il passo all’approccio crowdfunding è stato quasi immediato: chiedere aiuto ai futuri utenti del servizio che avremmo creato. Per noi è stato importante fin da subito essere trasparenti per guadagnare la fiducia dei diffidenti. Il crowdfunding permette di esserlo dal primo euro donato.

Credete che il ricorso al crowdfunding sia anche una possibilità che viene data al mercato di “pesare” la bontà delle idee?

Il crowdfunding ha una doppia valenza da quel punto di vista. In primis permette di avere dei “clienti” prima di avere il prodotto pronto, impensabile in un mercato tradizionale. In secondo luogo è un
potente strumento di marketing, se la piattaforma di crowd ha un ottima traction, leggasi Kickstarter.

La scelta del crowdfunding vi ha fatto ottenere più attenzioni dalla stampa e più in generale dal mondo del Web?

Difficile da giudicare, possiamo dire che in molti che ci hanno contattato hanno conosciuto la definizione di crowdfunding grazie a come4.

Il progetto continuerà anche se la campagna dovesse fallire?

Fallire??? E perche’ mai dovrebbe!!! 🙂

Durante la presentazione ci sono state delle critiche riguardo alla mancanza di alcune scelte strategiche, scelta dettata dalla vostra volontà di dare alla gente la possibilità di intervenire riguardo ai contenuti di come4.org. Credete che per questo progetto sia necessario questo tipo di approccio o rimpiangete una pianificazione più accurata?

Ci sono ancora dei punti non chiari nello sviluppo del nostro sito. Crediamo però che essere sicuri di scegliere la strada corretta senza sentire cosa pensa il mondo di noi non sia la scelta più giusta . Abbiamo bisogno del contributo di quella che sarà la nostra community di riferimento per affinare al meglio la nostra idea. Non abbiamo problemi per quanto riguarda lo sviluppo tecnologico, siamo invece preoccupati di pesare al meglio le nostre scelte per non fare un buco nell’acqua, come accaduto ad alcuni progetti italiani troppo “sicuri di sè”. Ci sono troppe variabili in campo, in un contesto di questo tipo, per pianificare nel dettaglio ogni scelta. Meglio un progetto più partecipativo.

Filantropia, beneficienza e pornografia, cose che mai sono andate di pari passo prima della vostra idea. Quali sono gli scogli che hanno causato più difficoltà nel conciliare le due cose?

Stiamo lavorando per rendere come4.org un progetto credibile. Siamo convinti che filantropia e pornografia possano convivere. Lo sforzo maggiore è cercare di strutturare una comunicazione che supporti l’unione di queste due entità. Crediamo di aver fatto un buon lavoro sul nostro sito, ma cerchiamo di affinare al meglio il nostro messaggio in quanto sappiamo che ci stiamo muovendo in un campo piuttosto delicato.

Cosa vorreste che diventasse come4.org?

Vorremmo che come4 fosse per il porno quello che il divx è stato per il mondo mondo dei video!

Ringrazio ancora Marco e Riccardo per l’intervista e invito tutti a dare un occhiata su ulule.com/come4 per saperne di più e per finanziare il progetto!

A presto,

Massimiliano

Annunci

Nessun commento

Inizia una nuova conversazione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...